Giovanni Vanacore – Poesie

il problema è nella strada
dell’eterno ritorno
che mi riporta a casa
alla mia stanza cambiai
il colore delle pareti
e cambiai il letto
ma niente è diverso
qualcosa d’inquieto nel profondo
del cemento – cigola di notte
e io non dormo mai

*

le nuvole promettendo la neve
si sono dileguate nel tiepido
inverno – adesso non conosco
parole per spiegare quelle piante
che non sono più tornate in fiore
(ci fosse stato il gelo avrei saputo
verso cosa rivolgere il mio odio)

*

d’inverno non marcisce la frutta
mia madre lascia sulla tavola
mele e mandarini per tutta la notte
il loro succo (sangue) si congela
e diventano dentro di un ghiaccio
che non lascia affondare i denti
mia madre è un vegetale lasciato al gelo
che si può conservare per sempre
ma non è più buono da mangiare


L’autore

Giovanni Vanacore nasce il 4 marzo 1999 ad Aversa. Autore delle raccolte di poesie “La fine dell’era dei fiori” (Spring edizioni – 2019) e “Perle” (In media res – 2017). Fotografo, si occupa di fotografie di nudo e street (non esce di casa senza fotocamera da oltre un anno e mezzo).
Con la videopoesia “Aversa FS” ha vinto il premio “Artefici del nostro tempo” e la sua opera è stata esposta al padiglione Venezia della Biennale Arte 2019 e al museo d’arte moderna e contemporanea di Ca’Pesaro.


https://www.intermezzorivista.it/

Precedente "Ecce Homo" - Riflessioni sulla poetica di Sandro Pecchiari Successivo Simone Bonfiglio - Poesie